A seguito della seduta della Conferenza Istituzionale Permanente  del 23 maggio 2017 è diventa operativa l’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po che subentra alla già autorità di bacino del fiume Po alla quale vengono annessi i Bacini interregionali del Reno, del Fissero-Tartaro-CanalBianco, del Conca-Marecchia e i bacini regionali Romagnoli.

Il bacino idrografico del Po interessa il territorio di Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Marche  e si estende anche a porzioni di territorio francese e svizzero.

L’Autorità di bacino è luogo di intesa unitaria e sinergia operativa fra tutti gli organi istituzionali interessati alla salvaguardia e allo sviluppo del bacino padano, caratterizzato da complesse problematiche ambientali.

Descrizione estratta dal sito istituzionale.

Sul sito dell’Autorità, al link https://pai.adbpo.it/, si può trovare il Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico del Fiume Po’ e di tutti i territori di competenza, con i relativi Piani e Norme di Attuazione.

Link: adbpo.gov.it